Criteri di inclusione per il gruppo di ragazze sofferenti di Anoressia e per il gruppo di controllo delle ragazze senza disordini alimentari per la ricerca riguardo alla nuova teoria del Dott. Lorenzo Bracco

,
Criteri di inclusione per il gruppo di ragazze sofferenti di Anoressia e per il gruppo di controllo delle ragazze senza disordini alimentari per la ricerca riguardo alla nuova teoria del Dott. Lorenzo Bracco

CRITERI DI INCLUSIONE PER IL GRUPPO DI RAGAZZE SOFFERENTI DI ANORESSIA E PER IL GRUPPO DI CONTROLLO DELLE RAGAZZE SENZA DISORDINI ALIMENTARI PER LA RICERCA RIGUARDO ALLA NUOVA TEORIA DEL DOTT. LORENZO BRACCO

 

La Teoria del Dr. Bracco sull’Anoressia Adolescenziale Femminile è:

diverso gruppo sanguigno (0, A, B, AB) tra madre e figlia

+ contatto di sangue tra le due durante la gravidanza e/o la nascita

= “Conditio sine qua non” (condizione biologica necessaria ma non sufficiente) per l’Anoressia Adolescenziale Femminile

 

Vi è un accordo generale sul fatto che le cause dell’Anoressia Adolescenziale Femminile sono psicologiche e connesse a una disfunzionale:

  • relazione con se stessa
  • relazione reciproca madre/figlia
  • relazione reciproca padre/figlia
  • relazione tra la ragazza e l’ambiente che la circonda
  • abitudine alimentare della famiglia
  • comunicazione affettiva ed emotiva tra i membri della famiglia e l’ambiente che li circonda

 

La condizione biologica (diverso gruppo sanguigno tra madre e figlia + contatto sanguigno tra le due) 

+ Le cause psicologiche dell’anoressia che perturbano il carattere e il comportamento della ragazza

= condizione possibile per l’anoressia

Nella mia raccolta di dati (più di 100 casi in 25 anni): solo le ragazze che hanno gruppo sanguigno diverso (0, A, B, AB) dalla madre soffrono di anoressia e dalla loro storia clinica è ipotizzabile un contatto di sangue madre/figlia durante la gravidanza e/o la nascita. In effetti, ho casi di madri e figlie con diverso gruppo sanguigno ma le figlie non soffrono di anoressia e nella loro storia clinica non è successo nulla che faccia sospettare un contatto di sangue tra le due. Non ci sono eccezioni nei miei dati. Riconoscere questa condizione biologica permette diagnosi precoci, ipotesi predittive e una nuova comprensione (reframing) della relazione madre/figlia che non è più vista come conflittuale, ma è semplicemente il riflesso di una relazione disturbata da un precocissimo allarme immunologico.

Criteri di inclusione del Dr. Bracco per il gruppo di ragazze affette da anoressia e le loro madri e per il gruppo di controllo delle ragazze che non soffrono di anoressia e le loro madri:

È molto importante per questa ricerca definire con precisione i due gruppi:

  • il gruppo di ragazze che soffrono di anoressia e le loro madri
  • il gruppo di controllo delle ragazze che non soffrono di anoressia e le loro madri.

Nei miei 25 anni di esperienza e studio sull’anoressia, ho preso coscienza delle numerose trappole in cui possiamo cadere quando definiamo inaccuratamente il campione con il risultato di invalidare la ricerca.

Penso che dobbiamo essere molto chiari con i miei criteri di inclusione nel gruppo Anoressia Adolescenziale Femminile delle ragazze che soffrono di anoressia, al fine di escludere gli altri tipi di anoressia cioè quelli classificati sotto la voce Anoressia Indipendente dall’Età e dal Sesso. Questo secondo tipo di anoressia può verificarsi a qualsiasi età e non dipende assolutamente dalla differenza di gruppo sanguigno tra madre e feto. Questo è chiaramente spiegato nel mio libro “ANORESSIA. I veri colpevoli: gruppi sanguigni e trauma”.

Nel seguente testo, scriverò in grassetto gli elementi delle linee guida.

I miei criteri di inclusione per le ragazze nel gruppo Anoressia Adolescenziale Femminile sono:

  • Perdita estrema di peso 
  • Perdita del ciclo mestruale per più di tre mesi (questo si verifica in un periodo vicino al primo ciclo mestruale, entro un massimo di tre anni)
  • Nessun grave trauma, come la morte di un genitore, prima dell’inizio dell’anoressia (che potrebbe essere la fonte del burnout e della depressione e di conseguenza dell’Anoressia Indipendente dall’Età e dal Sesso)

 

QUESTIONARIO FONDAMENTALE DA COMPILARE PER LA RAGAZZA SOFFERENTE DI ANORESSIA

 

Gruppo sanguigno (0, A, B, AB) della ragazza sofferente di anoressia: ………

Gruppo sanguigno (0, A, B, AB) della madre biologica della ragazza: ………

Altezza della ragazza: ………

Peso della ragazza: ………

BMI (Body Mass Index) della ragazza: ………

Data di nascita della ragazza: giorno / mese / anno

(Età attuale della ragazza: anni / mesi)

Data del menarca (primo ciclo mestruale) della ragazza: mese / anno *

(Età della ragazza quando ha avuto il menarca: anni / mesi) *

Data di inizio dell’amenorrea della ragazza: anno / mese *

(Età della ragazza quando ha avuto amenorrea: anni / mesi) *

Tempo tra menarca e inizio di amenorrea: mesi o anni / mesi *

———-

* Dati molto importanti. Forse la paziente deve trovare queste informazioni a casa, chiedendo a sua madre o guardando un vecchio diario.

 

L’ANORESSIA ADOLESCENZIALE FEMMINILE è l’anoressia più grave e prevalente (circa il 90% di tutti i casi) e il tipo più pericoloso di anoressia. Questa anoressia si manifesta nelle donne durante l’adolescenza e possono anche esserci ricadute nel corso della vita.

Questo tipo di anoressia colpisce società e classi sociali in cui la varietà e la quantità di cibo possono essere abbondanti.

L’Anoressia Adolescenziale Femminile si manifesta proprio durante il momento in cui fioriscono la femminilità e la fertilità della giovane donna. La fertilità della ragazza inizia con il menarca. Dopo alcuni cicli mestruali può sorgere anoressia.

Esiste una connessione temporale tra il primo ciclo mestruale (menarca) e l’interruzione del ciclo mestruale (amenorrea) dovuta all’Anoressia Adolescenziale Femminile. Il passaggio dal menarca all’amenorrea a causa dell’Anoressia Adolescenziale Femminile può richiedere più di tre mesi fino a qualche anno.

Per essere sicuri di includere nel gruppo solo le ragazze affette da Anoressia Adolescenziale Femminile, dobbiamo fissare un limite massimo di tre anni dal menarca all’amenorrea (a causa dell’Anoressia Adolescenziale Femminile).

 

L’ANORESSIA INDIPENDENTE DALL’ETÀ E DAL SESSO può essere un sintomo o una conseguenza di: chemioterapia, alcuni tipi di cancro, alcune malattie, alcuni disturbi ormonali, burnout, depressione.

Depressione e burnout si manifestano dopo un periodo di stress estremo e ciò può capitare durante l’infanzia, l’adolescenza e l’età adulta in risposta a un tentativo fallito di cercare l’accettazione all’interno della famiglia o della società in cui un individuo può sentirsi non amato.

La depressione può anche manifestarsi come risultato di un’esperienza di esclusione che una persona ha sofferto, come separazione dalla propria famiglia, divorzio, fine del lavoro, pensionamento, ecc.

Questa depressione può assumere aspetti particolarmente gravi e può essere una causa di disturbi alimentari.

Nella maggior parte dei casi, questi disturbi alimentari comportano un consumo eccessivo di cibo come se la persona cercasse conforto e compensazione nel cibo per la mancanza di affetto.

Altre volte, tuttavia, questi disturbi alimentari possono comportare un’assunzione di cibo insufficiente, che può potenzialmente trasformarsi in anoressia, specialmente quando un individuo è talmente amareggiato da non avere più voglia di vivere.

Per prendersi cura di questo tipo di anoressia, dobbiamo trattare le cause o le situazioni di cui essa è un sintomo o una conseguenza. L’Anoressia Indipendente dall’Età e dal Sesso di solito risponde relativamente bene alla terapia farmacologica, mentre l’Anoressia Adolescenziale Femminile non risponde alla terapia farmacologica.

 

I miei criteri di inclusione nel gruppo di controllo delle ragazze che non soffrono di anoressia:

  • Ragazze con una presenza regolare del ciclo mestruale il cui menarca (primo ciclo mestruale) risale a più di quattro anni
  • Assenza di disturbi dello spettro autistico

 

I due gruppi devono essere costituiti dalle figlie e dalle loro madri e sono:

1) il gruppo di ragazze che soffrono di anoressia e le loro madri

2) il gruppo di controllo delle ragazze che non soffrono di anoressia e le loro madri

Lo scopo della ricerca è di confrontare il gruppo sanguigno di ogni figlia con quello di sua madre.

Vi è un accordo generale sul fatto che la relazione madre/figlia sia un elemento molto importante nell’Anoressia Adolescenziale Femminile.

Per questo motivo è importante che i due gruppi siano omogenei per quanto riguarda la relazione madre/figlia su un punto cruciale: la ragazza deve essere la figlia biologica della madre.

Non ha senso parlare dell’allarme biologico madre/figlia a causa di un diverso gruppo sanguigno tra madre e figlia (+ contatto di sangue tra le due durante la gravidanza e/o la nascita) se la ragazza non è la figlia biologica della donna che considera sua madre.

Quindi, entrambi i gruppi di ricerca devono escludere le figlie che vivono in un contesto in cui il ruolo materno è coperto da un’altra persona che non è la madre biologica. Stiamo parlando, per fare degli esempi, di una famiglia adottiva, di una famiglia in cui la madre biologica viene completamente sostituita dalla nuova partner del padre perché è divorziato o vedovo, di una madre surrogata, ecc.

L’informazione che la figura di riferimento materna è anche la madre biologica dovrebbe essere ottenuta chiedendo alla madre e non alla figlia perché la ragazza potrebbe non saperlo e, comunque, una tale domanda potrebbe far nascere un dubbio destabilizzante nella ragazza.

Se c’è una ragazza nel gruppo di ricerca che, nel colloquio che facciamo con sua madre, scopriamo non essere la sua figlia biologica, non rifiutiamo la ragazza perché ciò potrebbe destabilizzarla, ma i suoi dati e quelli della sua figura di riferimento materna vanno esclusi dal gruppo.

Ogni persona, madre e figlia di entrambi i gruppi (il gruppo di ragazze affette da anoressia e il gruppo di controllo) deve esibire il proprio gruppo sanguigno certificato da un laboratorio (ad esempio dall’ospedale dove è nata la ragazza, da un laboratorio riconosciuto, dall’AVIS per i donatori di sangue) o testato da una persona qualificata (ad esempio: il ricercatore, l’infermiere o il servizio di Psichiatria, ecc.).

 

FAQ

- Ho una domanda specifica: per i partecipanti al controllo, avremo bisogno di conoscere i gruppi sanguigni delle loro madri?

Sì, abbiamo bisogno di conoscere i gruppi sanguigni delle ragazze e delle loro madri. In altre parole, dobbiamo conoscere con certezza il gruppo sanguigno delle ragazze che soffrono di anoressia e delle loro madri, e dobbiamo anche conoscere con certezza il gruppo sanguigno delle ragazze e delle loro madri del gruppo di controllo.

- Potrei suggerire di usare per le madri i kit fai-da-te per la determinazione del gruppo sanguigno e così suddette madri non dovrebbero essere presenti all’incontro ma potrebbero rimanere comodamente a casa. È corretto?

Non è possibile considerare affidabili test del gruppo sanguigno fatti a casa da una persona non qualificata o implicata nello studio, come lo è la madre oppure la figlia o altra persona della famiglia. L’affidabilità del test del gruppo sanguigno deve essere assoluta, altrimenti invaliderà lo studio. Il test del gruppo sanguigno deve essere certificato da un laboratorio (l’ospedale in cui è nata la ragazza, i donatori di sangue possono essere certificati dall’Associazione donatori di sangue) o da una persona qualificata (ad esempio, ricercatore, infermiere o servizio di psichiatria, ecc.) .

 

Dottor Lorenzo Bracco
Medico Chirurgo
Specialista in Fisiatria
Psicoterapeuta
Email lorenzobracco4@gmail.com
www.dietanicchiaecologica.com
www.ecologicalnichediet.com
Tel +39 011 6688992
Cell +39 333 1632321
Corso Marconi 37
10125 Torino, Italy

Competenze

Postato il

11 novembre 2018

Invia commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>